La camomilla in cucina

La camomilla in cucina

03 ottobre 2019

Quando si parla di camomilla si fa riferimento per lo meno a due specie botaniche: la Matricaria recutita e l'Anthemis nobilis (detta volgarmente camomilla romana).
Con la Matricaria si ottiene un gusto più dolce e delicato, mentre l’Anthemis nobilis rimane più amarognola.

I fiori di questa pianta sono particolarmente noti per le loro virtù blandamente sedative (antispasmodiche a livello nervoso e gastrico) e vengono utilizzati molto nella preparazione di infusi. Preparare una tisana a base di camomilla è molto semplice: basta portare a ebollizione una tazza d’acqua, immergervi un cucchiaio di fiori secchi a fuoco spento, mescolare, lasciare in infusione con un coperchio per 10 minuti, filtrare e, infine berla quando è ancora ben calda. L’effetto sarà, nella maggior parte dei casi, un piacevole rilassamento muscolare grazie alla presenza nel suo fitocomplesso dei flavonoidi (eupatuletina, quercimetrina) e delle cumarine.

Forse non tutti sanno che con i fiori di camomilla si possono anche aromatizzare confetture, caramelle e gelati. Non solo, in cucina si possono preparare torte morbide per la colazione, creme dolci e biscotti. Inoltre i fiori freschi sono la decorazione perfetta per molti piatti sia dolci che salati perché piccoli e molto eleganti nella loro semplicità. E se aggiungerla nei dolci è forse scontato, la si può sfruttare per la preparazione di alcune ricette molto gustose come risotti e insalate, anche a base di pesce.  

Ecco un po’ di consigli:

  • Nella preparazione della torta bavarese, ad esempio con la camomilla possiamo dare quel retrogusto in più facendo bollire il latte con i fiori di camomilla.
  • Nella preparazione di un risotto, invece, dopo aver tostato il riso in un tegame con il burro si può sfumare il tutto con l'infuso di camomilla. A cottura ultimata poi basterà semplicemente mantecare con un fiocco di burro, aggiungere un pizzico di parmigiano e una macinata di pepe.
  • Si può scegliere anche di preparare un liquore tradizionale alla camomilla, mediante infusione dei fiori per lungo periodo in alcol puro e pochissimo zucchero.